N38 – 12/8/2019

PRIMO PIANO

Ferragosto in carcere
Come da tradizione il Partito Radicale organizza il Ferragosto in carcere visitando numerosi luoghi di reclusione. Quest’anno l’iniziativa è promossa assieme all’Osservatorio Carcere dell’Unione Camere Penali (UCP). Saranno 70 i luoghi di privazione della libertà visitati da 278 tra dirigenti e militanti del Partito Radicale, avvocati dell’UCP, parlamentari, garanti delle persone private delle libertà personali: questi i numeri dell’iniziativa “ferragosto in carcere” promossa dal Partito Radicale e dall’UCP. L’iniziativa si terrà tra il 15 e il 18 agosto e vedrà impegnati:

Maurizio Turco e Irene Testa, Segretario e Tesoriere del Partito Radicale, si recheranno alle ore 10.00 presso il carcere di Regina Coeli.

L’Avv. Gianpaolo Catanzariti responsabile dell’Osservatorio Carcere dell’Unione Camere Penali e membro del Consiglio generale del Partito Radicale sarà il 16 agosto ore 9,00 a Reggio Calabria Panzera e il 17 ore 9,00 a Reggio Calabria Arghillà; l’Avv. Riccardo Polidoro responsabile dell’Osservatorio Carcere dell’Unione Camere Penali sarà il 15 agosto ore 10 a Napoli Poggioreale.

Saranno impegnati i membri del Consiglio Generale del Partito Radicale: Matteo Angioli (Oristano Massama 15 agosto), Marco Beltrandi (Bologna “Rocco D’amato” 15 agosto), Rita Bernardini (Catania 15 agosto, Palermo 16 agosto, Agrigento 17 agosto, Trapani 18 agosto, Caltanissetta 19 agosto, Barcellona PDG 21 agosto), Giuseppe Candido (Catanzaro 15 agosto, Palmi 16 agosto, Cosenza 17 agosto), Antonella Casu (Teramo 16 agosto), Antonio Cerrone (Teramo 16 agosto), Avv. Deborah Cianfanelli (La Spezia 15 agosto, MASSA 15 agosto, Genova Cc Marassi 16 agosto, Genova Ospedale San Martino 16 agosto, Genova Pontedecimo 17 agosto, Imperia 18 agosto, Sanremo 18 agosto), Sergio D’Elia (Tolmezzo 17 agosto), M. Antonietta Farina Coscioni (Roma Regina Coeli 15 agosto, Teramo 16 agosto), Giulia Simi (San Gimignano 16 agosto, Siena 17 agosto), Ilari Valbonesi (Roma Rebibbia N. C. 15 agosto) , Elisabetta Zamparutti (Tolmezzo 17 agosto).

CINA E CAMBOGIA

Le opzioni su Hong Kong di Xi Jinping. E le nostre
Mentre il 5 agosto il Sen. Roberto Rampi ha presentato un’interrogazione parlamentare per sapere quale fosse la posizione del governo italiano rispetto agli scontri a Hong Kong e ne ha parlato con Giulia Pompili per Il Foglio, il 7 agosto Yang Jianli e Aaron Rhode hanno pubblicato sulla rivista online “The American Interest” un’analisi sulle prospettive delle tensioni tra Pechino e Hong Kong. Ecco alcuni estratti:

I manifestanti a Hong Kong non erano là come rappresentanti di un singolo gruppo politico o ideologico. Piuttosto, erano lì l’uno per l’altro, per la loro comunità, per lo spirito e per l’ethos, per l’idea stessa di Hong Kong. Per tutti i manifestanti aggressivi che si vedono in televisione, che lanciano pietre contro le stazioni di polizia, che resistono ai lacrimogeni e ai proiettili di gomma delle forze di sicurezza, ci sono migliaia di pacifici residenti di Hong Kong desiderosi di mostrare la loro determinazione a preservare i valori politici più cari di fronte alla subordinazione sempre maggiore al Partito Comunista Cinese (PCC). Appartengono a un movimento in gran parte privo di strutture gerarchiche. Non idolatrano né si rimettono a un particolare leader. Senza una chiara rappresentazione, questa massa amorfa e inclusiva non può negoziare, fare richieste o scendere a compromessi; né sono stati scoraggiati dall’arresto o dalla minaccia di pene detentive decennali per “sommosse”. Sono il tipo più resistente di movimento politico: un movimento ampio e diversificato animato da legami profondamente condivisi e valori comuni.

In questo momento precario, gli abitanti di Hong Kong devono consolidare le conquiste realizzate continuando a manifestare per le libertà politiche e contro il dominio del PCC. Ma devono fare tutto ciò che è in loro potere per impedire che le proteste diventino violente e per evitare di facilitare il compito di chi cerca una giustificazione per attivare gli articoli 14 e 18 della Legge Fondamentale che permettono di dichiarare lo stato di emergenza. Dovrebbero partecipare alle imminenti elezioni distrettuali di settembre e a quelle di marzo 2020 per il Consiglio legislativo. Numerosi manifestanti hanno invitato i giovani in particolare a registrarsi alle elezioni. Il 1° agosto, la Commissione Elettorale di Hong Kong ha annunciato che quest’anno si sono registrati 385.985 nuovi elettori, con un aumento del 47% rispetto alle elezioni del 2015.

I leader americani devono unirsi alla causa comune contro la repressione violenta delle proteste da parte di Hong Kong o delle forze di sicurezza della terraferma; dovrebbero anche opporsi fermamente alla violenza dei manifestanti stessi. I leader cinesi che scoraggiano la violenza dello stato contro i manifestanti di Hong Kong devono essere elogiati. Anche la partecipazione alle prossime elezioni dovrebbe e i leader di Hong Kong che lavorano pacificamente per la libertà e la democrazia devono essere incoraggiati. Infine, se dovesse aver luogo una violenta repressioni, il Congresso americano deve approvare una legge che protegga i diritti umani e la democrazia di Hong Kong e attuare la Legge Magnitsky per punire i responsabili, sia a Hong Kong che a Pechino.

La crisi a Hong Kong influenzerà tutti noi. Come tale, merita attenzione, solidarietà e il nostro impegno concreto per aiutare coloro che vogliono le stesse libertà di cui godiamo noi.

E’ morto a 93 anni il braccio di destro di Pol Pot
Il 4 agosto, nel Khmer-Soviet Friendship Hospital a Phnom Penh, è morto all’età di 93 anni Nuon Chea, l’ideologo del regime comunista dei Khmer Rossi al potere in Cambogia dal 1975 al 1979 che provocò la morte di circa due milioni di persone. Conosciuto come il “fratello n. 2”, era il braccio destro di Pol Pot, anche se per Craig Etcheson, storico di spicco dei Khmer Rossi “Nuon Chea era l’alter ego di Pol Pot, e in realtà lo ha superato nel Comitato permanente del Partito Comunista durante i primi anni del partito”. Nel 1976 è stato Primo ministro della Kampuchea Democratica ed era la mente dietro lo sterminio e direttamente coinvolto nelle purghe di massa.

Nel 2014 era stato condannato all’ergastolo dal tribunale per i Khmer Rossi appoggiato dall’ONU per genocidio e crimini contro l’umanità. Non si è mai pentito. A differenza di Pol Pot e di altri leader dei Khmer Rossi che scoprirono le opere di Karl Marx e Josef Stalin a Parigi, Nuon Chea non studiò in Francia ma in Thailandia. Si unì al Partito Comunista Indocinese a guida vietnamita nel 1950 e tornò in patria per combattere contro il colonialismo francese.

RUSSIA

A Mosca la più grande manifestazione dell’opposizione dal 2011
Il 10 agosto decine di migliaia di persone hanno partecipato alla più grande manifestazione dell’opposizione a Mosca tenuta dal 2011. Circa 60.000 manifestanti si sono radunati sotto la pioggia per chiedere elezioni giuste e corrette. Ufficialmente, la protesta è stata autorizzata ma molte decine di persone sono arrestate mentre si trasferivano in altre parti della città dove raduni non autorizzati, anche negli ultimi due fine settimana, hanno visto centinaia di arresti.

Molti moscoviti sono arrabbiati perché ai candidati dell’opposizione sia stato vietato di presentarsi alle elezioni comunali di settembre e la rabbia è aumentata ulteriormente soprattutto dopo evidenti episodi di brutalità gratuita da parte della polizia nelle manifestazioni delle settimane precedenti. Tra gli arrestati c’è Lyubov Sobol avvocatessa, membro della “Fondazione Anti-Corruzione” e leader dell’opposizione, vicina al noto esponente Alexei Navalny.

IRAN E MEDIO ORIENTE

Giulio Terzi sul ruolo delle compagnie aeree iraniane in Italia
È ormai risaputo il ruolo svolto da molte compagnie aeree commerciali iraniane nel sostenere gli sforzi del regime iraniano di fomentare la violenza regionale attraverso il terrorismo, fornire armi alle sue milizie “proxy” e al regime di Assad e altre attività destabilizzanti. L’Iran ha fatto regolarmente affidamento su determinate compagnie aeree commerciali iraniane per pilotare combattenti e materiale in luoghi internazionali a supporto delle operazioni terroristiche sponsorizzate dallo stato iraniano. Nel condurre questi voli, queste compagnie aeree commerciali iraniane consentono il sostegno militare dell’Iran al regime di Assad consegnando materiale letale tra cui spedizioni di armi, prolungando il conflitto brutale e la sofferenza di milioni di siriani.

Una su tutte è la Mahan Air che, per il ruolo fondamentale svolto a sostegno dell’IRGC-QF e dei suoi “proxy” regionali trasportando combattenti, armi e fondi stranieri, è stata già sanzionata dagli USA nel 2011. Mahan Air ha anche trasportato il comandante dell’IRGC-QF Qasem Soleimani, sanzionato ai sensi della risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e soggetto a un divieto di viaggio delle Nazioni Unite. Dal 2018, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni economiche a 11 entità e individui che hanno fornito supporto o agito per o per conto di Mahan Air, tra cui una banca che fornisce servizi finanziari, società di copertura che acquistano pezzi di ricambio per aeromobili e agenti generali di vendita fornire servizi in Malesia, Tailandia e Armenia. Gli Stati Uniti hanno anche designato Qeshm Fars Air, una compagnia aerea “cargo” controllata da Mahan Air e con un ruolo chiave nelle attività dell’IRGC-QF in Siria. Oltre a trasportare armi e combattenti per l’IRGC-QF, Mahan Air è stata utilizzata dall’IRGC di recente nel marzo 2019 per trasportare corpi di combattenti uccisi combattendo in Siria in diversi aeroporti in Iran.

Il capo designato dell’ente commerciale Europa-Iran rinuncia
L’8 agosto un ex diplomatico tedesco, Bernd Erbel, che avrebbe dovuto dirigere un ente progettato per facilitare il commercio europeo con l’Iran, denominato INSTEX, si è ritirato dall’incarico dopo aver riferito di aver difeso il programma di missili balistici di Teheran. Il Ministero degli Esteri tedesco ha confermato il ritiro al quotidiano Bild che ha anche riferito che Erbel, ex ambasciatore a Teheran, in precedenza aveva rilasciato interviste in cui affermava che il programma missilistico iraniano era legale.

INSTEX è stato creato da Germania, Francia e Gran Bretagna per coordinare le transazioni commerciali per permettere alle società europee di fare business affari con l’Iran nonostante la pressione degli Stati Uniti, e quindi convincere Teheran a rispettare l’accordo sul nucleare del 2015.

La Cina importa ancora petrolio iraniano nonostante le sanzioni statunitensi
A luglio la Cina ha continuato ad importare petrolio greggio iraniano dopo due mesi dalla scadenza delle esenzioni sulle sanzioni statunitensi. Secondo le società che seguono i movimenti delle petroliere, il mese scorso sono stati esportati in Cina 4,4 e 11 milioni di barili di greggio, ovvero da 142.000 a 360.000 barili al giorno (bpd). La cifra più alta superiore indicherebbe che, nonostante le sanzioni, le importazioni sono aumentate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il flusso ostacola il tentativo del Presidente Trump di azzerare le esportazioni petrolifere iraniane, proprio mentre le tensioni nella disputa commerciale USA-Cina aumentano. L’amministrazione Trump stima che il 50-70% delle esportazioni di petrolio dell’Iran siano dirette in Cina, mentre il 30% in Siria. La Cina è il maggiore cliente dell’Iran e contesta le sanzioni di Washington. Secondo i dati doganali ufficiali, le importazioni di giugno erano di 210.000 barili al giorno e sono state le più basse in quasi un decennio, il 60% in meno rispetto a giugno 2018.

Il governo degli Stati Uniti avverte sulle minacce iraniane per le spedizioni commerciali
L’amministrazione marittima del Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti ha emesso un nuovo avvertimento alle spedizioni commerciali circa le minacce iraniane nello Stretto di Hormuz e nel Golfo Persico, affermando che alcune navi hanno riferito di aver interferito con il loro GPS. L’amministrazione ha inoltre avvertito che ci sono state notizie di “entità sconosciute che dichiarano falsamente di essere navi da guerra statunitensi o di coalizione”. L’avvertimento emesso mercoledì 7 agosto ha elencato una serie di incidenti che hanno coinvolto l’Iran da maggio, incluso il sequestro da parte dell’Iran dell’imbarcazione Stena Impero battente bandiera britannica e la detenzione e il successivo rilascio di un’altra, denominata Mesdar, con bandiera liberiana.

Quattordici attiviste per i diritti umani chiedono a Khamenei di dimettersi
Il 5 agosto, in una lettera aperta al leader supremo della Repubblica islamica, l’Ayatollah Ali Khamenei, quattordici attiviste per i diritti delle donne lo hanno invitato a dimettersi proponendo una transizione verso un nuovo sistema politico per l’Iran. I firmatari hanno stigmatizzato quello che descrivono come “apartheid di genere” e “approccio patriarcale” che dominano il paese. “Quattro decenni di questa teocrazia hanno eliminato i diritti di metà della popolazione del paese”, hanno affermato le attiviste, chiedendo che attraverso “misure civili e nonviolente” venga superato “questo sistema anti-donne” per redigere una nuova costituzione iraniana.

L’avvocato Giti Pourfazel, tra i firmatari della lettera, ha dichiarato a Radio Farda che quattordici donne hanno firmato la lettera e “venti milioni di altre donne iraniane potrebbero considerarsi il quindicesimo firmatario”. Tutti i firmatari risiedono in Iran, il che rende la loro azione estremamente pericolosa per la loro libertà e sicurezza.

“Noi quattordici attiviste per i diritti civili e per i diritti delle donne, siamo determinate a continuare la battaglia fino alla vittoria attraverso misure civili e non violente. Come altri pionieri [di combattenti nonviolenti per la libertà], procediamo cantando ‘No alla Repubblica islamica’. In un mondo in cui le donne nella maggior parte dei paesi si muovono fianco a fianco con gli uomini nella scienza, nell’economia, nella cultura, nelle arti e nella politica, sotto la Repubblica islamica le donne lottano ancora per i loro diritti umani fondamentali”, scrivono Nosrat Beheshti, Shahla Entesari, Zahra Jamali, Shahla Jahanbin, Ezzat Javadi Hessar, Nargess Mansouri, Farangis Mazloum, Kimia Norouzi Sabre, Parva Pachideh, Guiti Pour Fazel, Fatemeh Sepehri, Maryam Soleimani, Sussan Taherk e Ferhan Taherk.

La FIFA continua a negoziare con l’Iran per permettere alle donne di entrare allo stadio
Il 9 agosto la Federazione internazionale di calcio (FIFA) ha ribadito che le donne devono poter assistere a tutte le partite di calcio in Iran. In precedenza, la FIFA aveva fissato una scadenza entro la quale le autorità iraniane avrebbero dovuto eliminare il divieto che impedisce alle donne l’accesso negli stadi ad assistere alle partite di calcio maschile. In una lettera al capo della Federazione calcistica iraniana a giugno, il presidente della FIFA, Gianni Infantino, ha chiesto di essere informato sui “passi concreti” compiuti dal governo iraniano per revocare il divieto entro settembre.

Ebrahim Raisi sarà il successore di Ali Khamenei?
Gli ultimi mesi hanno visto crescenti segnali secondo cui il capo della magistratura iraniana, Ebrahim Raisi, sembra essere il principale candidato alla successione di Ali Khamenei come leader supremo. Raisi è considerato un falco di Teheran. Secondo Raz Zimmt, ricercatore all’Institute for National Security Studies che vive in Israele, il religioso conservatore ha intensificato il suo impegno per far riformare il sistema legale, migliorare la sua immagine pubblica e aumentare la sua esposizione mediatica.

Il fatto che Khamenei sostenga apertamente questi sforzi assume un significato maggiore anche perché Raisi fu sconfitto da Rouhani alle elezioni presidenziali del 2017 con un esito di 23 milioni di voti a 16 milioni. Il messaggio di Khamenei sembra essere chiaro, non importa che Raisi abbia perso nel 2016: un successore come Raisi è adeguato.

Raisi ha avuto problemi con il campo cosiddetto riformista iraniano a causa del suo coinvolgimento nelle esecuzioni di massa dei prigionieri politici nel 1988. Lo stesso Rouhani ha commentato il passato sanguinario di Raisi dichiarando in campagna elettorale che i cittadini iraniani non vogliono a capo del paese un responsabile di incarcerazioni ed esecuzioni.

Rouhani non è invitato al prossimo G7
Il 7 agosto un diplomatico francese ha reso noto che il presidente iraniano Hassan Rouhani non è stato invitato al vertice del G7 di questo mese, mentre i leader europei stanno cercando di disinnescare uno scontro tra Teheran e Washington. Il funzionario ha negato che il Presidente Macron avesse invitato Rouhani al vertice di Biarritz per incontrare il Presidente Trump. Secondo Al-Monitor, invece, Rouhani era stato invece invitato ma avrebbe rifiutato.

Condannato a morte l’ex sindaco di Teheran
Il 30 luglio l’ex sindaco di Teheran ed ex vicepresidente iraniano, Mohammad Ali Najafi, è stato condannato a morte in primo grado per l’omicidio della moglie, l’attrice Mitra Ostad, avvenuto a fine maggio. Lo ha reso noto il portavoce della magistratura della Repubblica islamica, Gholamhossein Esmaili, citato dalla tv di Stato. Najafi aveva confessato il delitto in diretta tv. La condanna è stata decisa per omicidio premeditato, mentre due anni aggiuntivi di prigione gli sono stati comminati per possesso illegale di arma da fuoco.

Najafi, 67 anni, potrà fare appello contro la sentenza alla Corte suprema entro 20 giorni. Durante il processo aveva confessato il delitto dicendo di aver agito dopo aver scoperto una relazione extraconiugale della moglie, sposata in seconde nozze senza divorziare dalla prima moglie. Pur essendo legale, in Iran la poligamia è socialmente criticata.

I baha’i della Giordania in lotta per i diritti civili fondamentali
La comunità baha’i della Giordania, come la maggior parte dei baha’i in Medio Oriente, denuncia di non godere dei pieni diritti civili perché le autorità rifiutano di riconoscere ufficialmente la loro religione. La Giordania riconosce solo l’Islam, il cristianesimo e l’ebraismo. Di conseguenza, i baha’i incontrano difficoltà nel registrare matrimoni e divorzi, regolare questioni di eredità, stabilire luoghi di culto e ricevere un’educazione religiosa a scuola.

In Giordania, tutti i matrimoni devono essere celebrati secondo una tradizione religiosa riconosciuta. Il matrimonio civile non è previsto. Dopo il matrimonio religioso, lo stato registra il matrimonio e fornisce un libro di famiglia. “Dal momento che il baha’ismo non è riconosciuto come religione, un matrimonio baha’i non è registrato dal Dipartimento di stato civile né risulta nel passaporto giordano”, dice Wissam al-Masjoun, avvocatessa che vive da anni a nord di Amman. “Lo stato ci dà un libro di famiglia, ma non registra la data del matrimonio”, dice Niaz Ruhani marito di Wissam.

Condannato negli Stati Uniti un imprenditore vicino a Hezbollah
Il 7 agosto il Dipartimento di Giustizia statunitense ha riferito che un imprenditore libanese designato dalle autorità statunitensi come un rilevante sostenitore finanziario di Hezbollah è stato condannato a cinque anni di reclusione e alla rinuncia di 50 milioni di dollari del suo patrimonio. Kassim Tajideen si è dichiarato colpevole a dicembre di riciclaggio nell’ambito di un’operazione volta ad eludere le sanzioni statunitensi e appoggiare Hezbollah. Tajideen gestiva una rete di imprese in Libano e in Africa, ed è stato estradato negli Stati Uniti nel marzo 2017 dopo il suo arresto.

Il Vice Procuratore generale degli Stati Uniti, Brian Benczkowski, ha dichiarato: “La condanna e la perdita di 50 milioni di dollari è solo l’ultimo esempio dell’impegno in corso del Dipartimento di Giustizia per neutralizzare e smantellare Hezbollah e le sue reti di sostengo.”

I separatisti sequestrano il palazzo presidenziale nella seconda città yemenita
Il 10 agosto le forze separatiste dello Yemen meridionale hanno dichiarato di aver fatto irruzione e sequestrato il palazzo presidenziale nella seconda città più grande del paese, Aden. Dopo diversi giorni di scontri con i lealisti del governo, un portavoce separatista ha dichiarato all’agenzia AFP: “Abbiamo preso il palazzo Maashiq dalle forze presidenziali (di guardia) senza combattere.”

I separatisti si sono impadroniti anche della casa del Ministro dell’Interno Ahmed al-Mayssari dopo essere stato tratto in salvo dalle forze della coalizione. Secondo le Nazioni Unite, decine di persone sono state uccise e centinaia sono rimaste ferite nei combattimenti. “Decine di civili sono stati uccisi e feriti quando sono scoppiati i combattimenti nella città di Aden. I rapporti preliminari indicano che ben 40 persone sono state uccise e 260 ferite”, afferma una dichiarazione delle Nazioni Unite.

FOTO DELLA SETTIMANA
Strasburgo, 10 agosto 1949: 70 anni fa si tenne la seduta inaugurale dell’Assemblea consultiva del Consiglio d’Europa

Print Friendly, PDF & Email

Add Comment