Re Maometto VI chiama musulmani, cristiani ed ebrei ad unirsi contro l’estremismo

Re Maometto VI ha invitato i Marocchini residenti all’estero a rimanere fermamente attaccati ai loro valori religiosi e alle loro antiche tradizioni, in una congiuntura in cui occorre affrontare i fenomeni dell’estremismo e del terrorismo.

Il Re ha invitato i musulmani, cristiani ed ebrei a serrare i ranghi per affrontare tutte le forme di estremismo, di odio e di esclusione.

Il monarca ha sottolineato che, come attestato dalla storia del genere umano, è impossibile progredire in società afflitte dal fondamentalismo e dell’odio, essendo questi gli ingredienti principali di insicurezza e instabilità.

“Ci sono innumerevoli esempi, nella civiltà umana, di storie di successo che dimostrano che l’interazione religiosa e la coesistenza producono società aperte in cui l’amore, l’armonia e la prosperità prevalgono”, ha detto il Re.

Il Sovrano ha dichiarato che i terroristi sfruttano alcuni giovani musulmani – soprattutto in Europa – e la loro ignoranza della lingua araba e del vero Islam, per diffondere messaggi distorti e promesse ingannevoli e ha aggiunto che i terroristi e gli estremisti usano qualsiasi mezzo pur di reclutare i giovani per attaccare le società fondate sugli ideali di libertà, apertura e tolleranza.

Print Friendly, PDF & Email

Add Comment